Zuckerberg Sues proprietari terrieri alle Hawaii per Terreni acquistato per $100 milioni di 2014


Già nel 2014, di Facebook fondatore e CEO Mark Zuckerberg ha pagato $100 milioni di euro per 700 acri di terreno a Kauai, Hawaii; ora i media miliardario sociale è citato in giudizio oltre un centinaio di famiglie indigene che rivendicano a diverse porzioni della tenuta si trova a Kauai North Shore, HawaiiNewsNow rapporti.

Con un patrimonio netto di $44.6 miliardi secondo Forbes, Zuckerberg ha acquistato la tenuta di allora per fornire privacy per la sua famiglia e non è in vena di contestare la terra con qualsiasi famiglia originaria che ha pretese di successione oltre tratti della tenuta.

Zuckerberg Sues proprietari terrieri alle Hawaii



E 'pratica comune nelle Hawaii per le famiglie di possedere piccoli appezzamenti di terreni all'interno di tenute più grandi appartenenti ad alcune altre persone, e queste porzioni di terre sono spesso passati da generazioni a generazioni prima di raggiungere l'attuale proprietario. La maggior parte di queste terre ereditate mancava fatti propri o documentazioni ufficiali, mentre diversi soggetti interessati nelle terre sono morti o addirittura inconsapevoli dei loro crediti.

Ma dove le famiglie autoctone nascono per porre rivendicazioni di tali terreni entro grandi tratti di beni acquistati, il proprietario della tenuta più grande ha per pagare le famiglie indigene o intentare un'azione legale che potrebbe costare ciascuna delle parti in causa fino a $200,000.



Keoni Shultz, uno dei rappresentanti di Zuckerberg della tenuta contestato ha rivelato che il miliardario di Facebook non è disposto a contestare la proprietà della terra con le famiglie autoctone o co-proprietari che potrebbero fornire documentazioni reale ufficiali per le loro richieste, mentre lui non dispiacerebbe andare a tribunali con gli altri che non sono in grado di fare questo.

Se Zuckerberg vince in tribunale, poi le famiglie native di posa sostiene di terre avranno altra scelta che vendere a Zuckerberg o alcuni altri offerenti superiori a un'asta pubblica. Come questo imbroglio finirà per giocare fuori resta da vedere, ma i tribunali a decidere su come procedere con l'emissione da quando il caso è ora stato depositato presso le corti delle Hawaii appropriate.


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *